Wikimedia blog

News from the Wikimedia Foundation and about the Wikimedia movement

In a legal victory for Wikipedia, the Wikimedia Foundation wins lawsuit brought by former Berlusconi advisor

This post is available in 2 languages:
Italiano 7% • English 100%

English

Wikipedia exists because of people like you – creators, editors, translators, advocates of free knowledge. But Wikipedia does not exist in a vacuum. Wikipedia’s survival relies on legal infrastructure and regulations around the world that allow it to be the open forum that it is today, one that is created and curated by a global community of 80,000 active monthly contributors.

From time to time, the Wikimedia Foundation’s ability to provide a safe place for the Wikimedia projects to thrive is challenged by lawsuits stemming from discontent about the content appearing on the projects. On January 30, 2013, the Wikimedia Foundation was served with a lawsuit by Mr. Cesare Previti, a former Italian Minister of Defense during Mr. Silvio Berlusconi’s term as Prime Minister. Mr. Previti claimed the Italian-language Wikipedia article “Cesare Previti,” — which he characterized as “pseudo-journalistic gossip fed by totally unreliable people” — contained inaccurate and defamatory statements.[1]

Mr. Previti believed that the Wikimedia Foundation should be liable under Italian law for providing a place for allegedly defamatory content to exist.[2] On June 20, 2013, the Civil Court of Rome disagreed with Mr. Previti[3], finding that, under Italian law, the Wikimedia Foundation is a hosting provider, rather than a content provider, and therefore could not be liable for content drafted by individual users.[4]

Two of the factors the Court considered in coming to this conclusion were whether the Wikimedia Foundation is clear about its role in the creation of content and whether there are procedures by which a person could address possible errors in the content.[5] The Court recognized that the Wikimedia Foundation is very clear about its role as a hosting provider[6] and concluded that Wikimedia “offer[s] a service precisely structured around the users’ freedom to compile the encyclopedia entries.”[7] The Court further found that the Wikimedia Foundation is explicit about the fact that, due to the open and fluid nature of the projects, it cannot guarantee the accuracy of the content found on Wikipedia.[8]

Because the community of Wikipedia editors, rather than the Wikimedia Foundation, takes the lead in the creation and management of content, the Court also examined whether Mr. Previti had methods to address potential inaccuracies in Wikipedia content. The Court noted that Wikipedia is open for all to edit and that one could identify and address potential inaccuracies through community review processes.[9] These processes — created and implemented by the community and driven by consensus — were an important factor in the Court’s decision and would not be possible without the community’s dedication and support.

Therefore, the Court concluded that the role of the user community (rather than the Wikimedia Foundation)  in the creation of content balanced by the ability of Mr. Previti to address his concerns with the community directly relieved the Wikimedia Foundation of the duty to provide any guarantee of accuracy.[10]

Open and collaborative forums, like Wikipedia, could not exist if the organizations that host them were legally (and frequently monetarily) liable for every alleged mistake that makes its way onto those forums. The ability to freely teach, learn and share depends upon having a place for knowledge to live and grow. Decisions like the one made by the Civil Court of Rome in this case help protect the viability of Wikipedia and thus, this decision is not just a victory for the Wikimedia Foundation, but to all who use the Wikimedia projects.

Michelle Paulson
Legal Counsel,* Wikimedia Foundation

Note: While this decision represents important progress towards protecting hosting providers like the Wikimedia Foundation, it is equally important to remember that every individual is legally responsible for his or her actions both online and off. For your own protection, you should exercise caution and avoid contributing any content to the Wikimedia projects that may result in criminal or civil liability under the laws of the United States or any country that may claim jurisdiction over you. For more information, please see our Terms of Use and Legal Policies.

* Special thanks goes to our phenomenal Italian law firm, Hogan Lovells, especially Marco Berliri, Massimiliano Masnada, and Marta Staccioli, without whom this victory would not be possible.


 


Notes

  1. Complaint at 2-3 (English translation). Previti v. Wikimedia Foundation, Inc., Tribunale di Roma, n. 12261/2013.
  2. “In the case in point, without Wikipedia the defamatory publication would not exist; in practice, Wikimedia, by providing to the material author of the piece of writing a place to disseminate it (thus turning it into a defamatory publication by virtue of the powerful means of communication used), put in place those conditions which have allowed the unlawful act to be performed.” (Emphasis in the original.) Complaint at 19 (English translation).
  3. This decision is immediately enforceable. However, Mr. Previti has thirty (30) days from the date of this decision to appeal. It should be noted that if Mr. Previti chooses to do so, the Wikimedia Foundation intends to fight the appeal to the best of its ability.
  4.  “In the light of the detailed objections brought by the defence of the defendant, it is not demonstrated that, in managing Wikipedia’s encyclopedia, Wikimedia Foundation Inc. acts differently than a hosting provider, that is, a subject which solely hosts on its servers information provided by the users.” Decision at 6 (English translation). Previti v. Wikimedia Foundation, Inc., Tribunale di Roma, n. 12261/2013.
  5. “[The Wikimedia Foundation] created a webpage with a general Disclaimer, where the defendant itself provides some preliminary information, clearly stating the impossibility for the defendant to guarantee, in any way, the validity of the information published…”. Decision at 7 (English translation).. See also “The possibility for anyone to modify the encyclopaedia contents and to ask for their elimination”. Id.
  6. “[The Wikimedia Foundation] created a webpage with a general Disclaimer, where the defendant itself provides some preliminary information, clearly stating the impossibility for the defendant to guarantee, in any way, the validity of the information published; It is, in fact, demonstrated that such general Disclaimer exists on the following webpage http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:General_disclaimer, where this notice can be found: ‘The structure of the project allows anyone with an Internet connection to alter its content. Please be advised that nothing found here has necessarily been reviewed by people with the expertise required to provide you with complete, accurate or reliable information. That is not to say that you will not find valuable and accurate information in Wikipedia; much of the time you will. However, Wikipedia cannot guarantee the validity of the information found here. The content of any given article may recently have been changed, vandalized or altered by someone whose opinion does not correspond with the state of knowledge in the relevant fields.’ Such notice points out that the company offering the technologic platform for the online encyclopedia . . .”. Decision at 7 (English translation).
  7. Decision at 7 (English translation).
  8. See footnote n. 6.
  9. “ . . . [The Wikimedia Foundation] offer[s] a service precisely structured around the users’ freedom to compile the encyclopedia entries. It is exactly such freedom that leaves out the duty to provide any guarantee, and that is balanced by the possibility for anyone to modify the encyclopedia contents and to ask for their elimination . . .”. Decision at 7 (English translation).
  10. Id.

Italiano

Una vittoria legale per Wikipedia: la Wikimedia Foundation vince la causa intentata dall’ex consigliere di Berlusconi

Wikipedia esiste grazie a persone come voi – autori, redattori, traduttori, sostenitori della libera conoscenza. Non esiste però in un vuoto: la sua sopravvivenza dipende da infrastrutture legali e da normative di tutto il mondo che le consentono di essere un forum aperto, creato e curato da una comunità globale di più di 80.000 contributori attivi ogni mese.

Di tanto in tanto, la capacità della Wikimedia Foundation di fornire un luogo sicuro per i progetti di Wikimedia viene messa in discussione da cause legali che nascono dal malcontento verso i contenuti pubblicati. Il 30 gennaio 2013 è stata avviata una causa legale nei confronti della Wikimedia Foundation da Cesare Previti, ex Ministro della Difesa durante il governo di Silvio Berlusconi. Il signor Previti sosteneva che la versione in italiano dell’articolo di Wikipedia “Cesare Previti” – che ha descritto come “pettegolezzo pseudo giornalistico alimentato dall’opera di soggetti […] assolutamente inattendibili” – contenesse affermazioni inesatte e diffamanti.[1]

Il signor Previti sosteneva che la Wikimedia Foundation dovesse essere responsabile di fronte alla legge italiana per aver fornito un luogo che consente la pubblicazione di contenuti presumibilmente diffamanti.[2] Il 20 giugno 2013, il Tribunale civile di Roma ha espresso parere contrario[3], rilevando che, ai sensi delle leggi italiane, la Wikimedia Foundation è un fornitore di hosting piuttosto che di contenuti e come tale non può essere ritenuta responsabile dei contenuti scritti dagli utenti individuali.[4]

Due dei fattori presi in considerazione dal Tribunale nel raggiungere questa conclusione sono stati se la Wikimedia Foundation sia chiara riguardo al suo ruolo nella creazione di contenuti e se ci siano procedure che consentono di segnalare possibili errori nei contenuti.[5] Il Tribunale ha riconosciuto che la Wikimedia Foundation è molto chiara sul suo ruolo come fornitore di servizi di hosting[6] e ha concluso che “[Wikimedia] offre un servizio basato proprio sulla libertà degli utenti di compilare le voci dell’enciclopedia”.[7] Il Tribunale ha rilevato che la Wikimedia Foundation è esplicita sul fatto che, data la natura aperta e fluida dei progetti, non può garantire l’accuratezza dei contenuti disponibili su Wikipedia.[8]

Dato che è la comunità dei redattori di Wikipedia, piuttosto che la Wikimedia Foundation, a svolgere il ruolo principale nella creazione e nella gestione dei contenuti, il Tribunale ha anche preso in esame se il signor Previti avesse a disposizione dei metodi per far fronte a potenziali inesattezze nei contenuti di Wikipedia. Il Tribunale ha osservato che Wikipedia può essere apertamente modificata da tutti e che chiunque può individuare e segnalare potenziali inesattezze tramite i processi di revisione della comunità.[9] Questi processi — creati e implementi dalla comunità di utenti e basati sul consenso — sono stati un fattore importante per la decisione del Tribunale e non sarebbero possibili senza l’impegno e il sostegno della comunità.

Pertanto, il Tribunale ha concluso che il ruolo della comunità di utenti (piuttosto che della Wikimedia Foundation) nella creazione di contenuti, bilanciato dalla capacità del signor Previti di segnalare le proprie rimostranze direttamente alla comunità, solleva la Wikimedia Foundation dall’obbligo di fornire garanzie di accuratezza.[10]

I forum aperti e collaborativi come Wikipedia non potrebbero esistere se le organizzazioni che li ospitano fossero legalmente (e spesso finanziariamente) responsabili di ogni presunto errore che trova spazio sulle loro pagine. La capacità di diffondere, apprendere e condividere liberamente le conoscenze dipende dalla disponibilità di un luogo dove esse possano vivere e crescere. Decisioni come quelle del Tribunale civile di Roma in questo caso aiutano a garantire la sopravvivenza di Wikipedia, ed è per questo motivo che la decisione non è solamente una vittoria per la Wikimedia Foundation, ma anche per tutti coloro che usano i progetti di Wikimedia.

Michelle Paulson
Responsabile legale,* Wikimedia Foundation

Nota: sebbene questa decisione rappresenti un importante passo avanti nel tutelare i fornitori di hosting come la Wikimedia Foundation, è altrettanto importante ricordare che ogni individuo è legalmente responsabile delle proprie azioni, sia online che offline. A tutela del vostro interesse, dovreste agire con cautela ed evitare di contribuire ai progetti di Wikimedia con contenuti che potrebbero dar luogo a responsabilità civili o penali di fronte alla legge degli Stati Uniti o di qualsiasi paese che potrebbe avere giurisdizione nel vostro caso. Per maggiori informazioni, si rimanda alle nostre Condizioni d’uso e Politiche legali (in inglese).

* Un ringraziamento speciale va al nostro fenomenale studio legale in Italia, Hogan Lovells, in modo particolare a Marco Berliri, Massimiliano Masnada, e Marta Staccioli, senza i quali questa vittoria non sarebbe stata possibile.


Note

  1. Querela al punto 2 (versione originale italiana). Previti contro Wikimedia Foundation, Inc., Tribunale di Roma, n. 12261/2013.
  2. “Nella fattispecie, senza Wikipedia non esisterebbe la pubblicazione diffamatoria oggetto di causa; Wikimedia, in pratica, ha posto in essere le condizioni per lo stesso verificarsi dell’illecito, offrendo all’autore materiale dello scritto un luogo grazie al quale poterlo diffondere (e farlo diventare, solo grazie al potente mezzo predisposto, diffamatorio)”. Querela al punto 19 (versione originale italiana).
  3. Questa sentenza ha effetto immediato. Il signor Previti ha tuttavia trenta (30) giorni di tempo dalla data della decisione per ricorrere in appello. Si tenga presente che se il signor Previti dovesse optare per il ricorso, la Wikimedia Foundation intende opporsi all’appello con tutte le sue forze.
  4.  “Non è dimostrato, a fronte delle dettagliate contestazioni mosse dalla società convenuta, che nella gestione dell’enciclopedia Wikipedia la Wikimedia Foundation Inc. svolga funzioni diverse da quelle di hosting provider, ossia di soggetto che si limita ad offrire ospitalità sui propri server ad informazioni fornite dal pubblico degli utenti”. Decisione al punto 6 (versione originale italiana).  Previti contro Wikimedia Foundation, Inc., Tribunale di Roma, n. 12261/2013.
  5. “[Wikimedia Foundation] parte convenuta ha documentato l’esistenza di una pagina indicata come Disclaimer generale in cui la stessa provvede a fornire una serie di informazioni preventive in cui chiarisce di non poter garantire in alcun modo la validità delle informazioni pubblicate. . .”. Decisione al punto 7 (versione originale italiana).  Si veda anche: “La possibilità lasciata a chiunque di modificarne i contenuti e di chiederne la cancellazione”. Id.
  6. “[Wikimedia Foundation] ha documentato l’esistenza di una pagina indicata come Disclaimer generale in cui la stessa provvede a fornire una serie di informazioni preventive in cui chiarisce di non poter garantire in alcun modo la validità delle informazioni pubblicate; è, infatti, documentata l’esistenza del Disclaimer generale disponibile alla pagina web http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Disclaimer_generale, in cui è contenuto il seguente avvertimento ‘Sebbene vi siano delle regole e un sistema non ufficiale di gestione anonimo e volontario, la struttura dell’enciclopedia permette a chiunque di modificare il contenuto delle sue pagine. Pertanto, è necessario tener presente che: di nessuna delle informazioni presenti nelle pagine di questo sito è possibile garantire verifica o controllo da parte di soggetti legalmente abilitati o con le necessarie competenze per esprimersi nei campi trattati; un siffatto controllo sarebbe necessario per fornire un’informazione completa, corretta e certa. Wikipedia non può garantire, in alcun modo, la validità delle informazioni pubblicate. Ciò, naturalmente, non implica la mancanza di informazioni interessanti o accurate, ma è importante sapere che su Wikipedia ogni contenuto può essere modificato, alterato o vandalizzato da chiunque. Ciò significa che ogni dato o informazione presente nelle voci di Wikipedia potrebbe non ritrarre adeguatamente l’effettivo stato della conoscenza condivisa o la verità dei fatti’: tale avvertimento evidenzia come la società che offre la piattaforma tecnologica all’enciclopedia on-line. . .” Decisione al punto 7 (versione originale italiana).
  7. Decisione al punto 7 (versione originale italiana).
  8. Si veda la nota n. 6.
  9. “. . . [Wikimedia] offre un servizio basato proprio sulla libertà degli utenti di compilare le voci dell’enciclopedia: è proprio questa libertà che esclude l’obbligo di garanzia e che trova il suo bilanciamento nella possibilità lasciata a chiunque di modificarne i contenuti e di chiederne la cancellazione. . .”. Decisione al punto 7 (versione originale italiana).
  10. Id.

18 Responses to “In a legal victory for Wikipedia, the Wikimedia Foundation wins lawsuit brought by former Berlusconi advisor”

  1. John Lilburne says:

    A hosting company does not pay the legal fees of its users.

  2. Edward says:

    “it is not _demonstrated_ that, in managing Wikipedia’s encyclopedia, Wikimedia Foundation Inc. acts differently than a hosting provider, that is, a subject which solely hosts on its servers information provided by the users.”

    It is not demonstrated, probably. But it is nonetheless true. WMF is not _solely_ a hosst.

  3. John Lilburne says:

    Did the Italian court know that the WMF is currently aiding and abetting, counselling and procuring (paying for) legal representation of ArbCom members in what is essentially a content dispute?
    http://wikipediocracy.com/forum/viewtopic.php?f=8&t=2506