Wikimedia blog

News from the Wikimedia Foundation and about the Wikimedia movement

When fact-checking means a lot

This post is available in 2 languages:
Italiano Italian • English English

This is a guest post from Maurizio Codogno (Wikimedia Italia).

In English:

Last weekend, Italy held its general elections. It is not important to state who won, after all, Wikipedia is nonpartisan. However, what I do want to talk about holds a certain importance, and it is closely related to Wikipedia. A few days before the elections, Oscar Giannino—a journalist and economist at the head of the list Fare per fermare il declino (“To act to stop the decline”)—resigned as the leader of the movement after it was discovered that the master’s degree in economics he had claimed to have achieved from the prestigious Chicago Booth university was nonexistent. Doubts over Giannino’s master’s degree had been discussed before, but what caused the story to explode was, in all probability, a post written by Wikipedians Jaqen and Tooby. The post made the rounds of social networking sites and contributed to the first public disavowal of Giannino by the co-founder of the movement, Luigi Zingales, ultimately leading to Giannino’s resignation. I recently interviewed the two authors about their scoop.

 
When did you start writing on Wikipedia? Are you also involved in other WMF projects?
Jaqen: I have been an editor on Italian Wikipedia since 2006 and a sysop since 2007. I recently became a sysop on Wikimedia Commons as well.
Tooby: I discovered Wikipedia in 2005, and I became a member of the community almost immediately. My first edit is dated 24 April 2005. I have also been very active on Italian Wikinews, where I still act as an administrator and bureaucrat.
 
Why did you start working on the Wikipedia article about Giannino?
Jaqen: I think I added it to my enormous watchlist after listening to his radio program.
Tooby: I don’t remember if I ever edited the article: I just followed the discussion.
 
Can you describe how you searched for your sources?
Jaqen: When the master’s degree of Giannino was first questioned in 2011, I found sources that I considered reliable, and they confirmed that Giannino had indeed received it from the University of Chicago Booth School of Business. One of the sources was the website of the Bruno Leoni Institute. Then a Wikipedia user said that he had written to Chicago Booth, and they could not find Giannino in their database. So I wrote to the school too. I got the same answer, but they also asked when did Giannino had received his master? That made me think that they had an unreliable database. So when a user removed the information I did not oppose, even if there was no published source against it. In 2013, Oscar Giannino came under attention as the leader of the “Act to Stop the Decline” list. Eventually, an anonymous Wikipedia user published an email from the Bruno Leoni Institute admitting that they were wrong, Giannino did not have a master’s degree in economics. I wrote them an email and they confirmed it. They eventually changed the information in his online biography.
Tooby: I limited myself to “professional” and organizational support: I have been a political and economic blogger for five years, and I have conducted other investigations as an amateur, though not with so much media coverage. However, I feel that I have played an especially moral role in this saga. Both of us appreciated the movement led by Giannino, but Jaqen was hesitant, fearing what eventually actually happened. But we are long-time users of Wikipedia, and we know that even if we do not like them, the facts are the facts, and the reader has the right for them to be presented in an objective, neutral way. Also, thanks to the experience gathered with Wikipedia, hesitations quickly disappeared and we decided to publish all of the material as soon as it was ready and supported by the appropriate sources.
 
Did you expect such a reaction to your discovery?
Jaqen: Has there been? :) It was not our discovery that led to the reaction, but rather the fact that Luigi Zingales publicly denounced Giannino and left the party. What did provoke some reaction, however, was the fact that questions over Giannino’s master’s degree were on the Wikipedia talk page since 2011.
Tooby: I expected a good response, but not this much! Even if we cannot be certain, I believe that our article helped to precipitate the events. We know that there was another journalist who was trying to verify the existence of Mr. Giannino’s master’s degree, and around February 14 it seems that Luigi Zingales had some knowledge of that. However we were able to anticipate all with our reconstruction: we published the article on the morning of 18 February, and it was shared very well before the abandonment of Zingales, announced in the early afternoon. In a way, I feel that we popped the cork.
 
How do you think Wikipedia came out from this story? I’ve heard some people say, “Yes, Giannino made a mistake, but the fault was really of Wikipedia who inserted the false news in the first place.”
Jaqen: According to an article someone tried to say this at first, but it was clear to everyone that this was not true. Wikipedia was just reporting what sources were saying.
Tooby: I believe that Wikipedia will come out much stronger than before. Many Italian observers have recognized the work of Wikipedians in search of the facts in this case. The Wikipedians were stubborn, and wanted to look beyond the “pseudo-official” biographies, such as the one by Istituto Bruno Leoni. I wouldn’t say that all of the participants in the discussion were unbiased in their search for the facts—some people were driven by envy and anger at Giannino. But the important thing is the end result. The neutral point of view is necessarily a collective work, where personal views are filtered from those of other users, allowing only what is verifiable and reliable.

 

Maurizio Codogno
Wikimedia Italia

Italiano:

Quando il fact checking vuol dire molto

Lo scorso weekend in Italia si sono tenute le elezioni politiche. In questa sede non è importante spiegare chi ha vinto: in fin dei conti Wikipedia è apartitica. Quello di cui voglio parlare oggi è un fatto forse piccolo, ma che ha avuto una certa importanza, e che riguarda Wikipedia molto più da vicino. Alcuni giorni prima delle elezioni, Oscar Giannino, un giornalista economico a capo della lista Fare per fermare il declino, si è dimesso dalla carica di presidente dell’omonimo movimento, dopo che si è scoperto che il master in economia che lui aveva affermato aver conseguito alla Chicago Booth University era inesistente. La notizia era discussa da molto tempo; ma il detonatore è stato con ogni probabilità un post scritto dal wikipediano Jaqen insieme all’altro wikipediano Tooby, post che ha fatto il giro dei social network e che ha contribuito all’esplosione del caso che ha portato prima alla pubblica sconfessione di Giannino da parte del cofondatore del movimento Luigi Zingales, poi al redde rationem. Ho intervistato i due autori dello scoop: ecco le loro parole.

 
Per iniziare, da quanti anni scrivete su Wikipedia? siete anche attivi in altri progetti WMF?
Jaqen: Contribuisco a Wikipedia in italiano dal 2006 e sono sysop del 2007. Recentemente sono diventato sysop anche su Commons.
Tooby: Ho scoperto Wikipedia nel 2005, e mi sono iscritto quasi subito. Il mio primo edit è del 24 aprile 2005. Sono stato molto attivo anche su Wikinotizie, di cui sono tutt’ora amministratore e burocrate.
 
Come mai siete capitati a operare sulla voce dedicata a Giannino?
Jaqen: Se non sbaglio l’ho aggiunta agli osservati speciali dopo aver ascoltato la trasmissione che Giannino conduceva alla radio.
Tooby: Non ricordo di avere operato su quella voce, ho solo seguito la discussione in passato senza intervenire.
 
Come vi siete mossi per cercare fonti a favore o contro l’esistenza del master di Giannino?
Jaqen: Quando il master di Giannino è stato messo in discussione la prima volta nel 2011, ho cercato e trovato delle fonti, che ritenevo affidabili, che ne confermavano l’esistenza. Una delle fonti era il sito dell’Istituto Bruno Leoni. Successivamente un utente di Wikipedia ha detto di aver scritto all’università, e che questa aveva detto di non trovare Giannino nei loro database. Ho scritto anche io, e ho ottenuto la stessa risposta, ma mi hanno anche chiesto se sapevo quando Giannino aveva ottenuto il master. Così ho pensato che forse avevano problemi a cercare nei loro archivi. Ho provato a scoprirlo ma non ci sono riuscito, e quindi quando l’informazione è stata rimossa non mi sono opposto, anche se nessuna fonte pubblicata la metteva all’epoca in discussione. Nel 2013 Oscar Giannino è diventato leader della lista Fare per Fermare il Declino, e su di lui si sono accesi i riflettori. Su Wikipedia un utente anonimo ha pubblicato un’email dell’Istituto Bruno Leoni in cui si diceva che la biografia di Giannino era sbagliata: il master in effetti non esisteva. Ho scritto una mail anche io, e mi hanno confermato la cosa. Nel frattempo anche loro hanno aggiornato la biografia.
Tooby: Io mi sono limitato a un supporto “professionale” e organizzativo: sono un blogger politico-economico da cinque anni, e ho condotto altre inchieste da dilettante, anche se non con questa rilevanza mediatica. Ma penso di avere avuto un ruolo soprattutto morale: il movimento di Giannino non dispiaceva a nessuno dei due, e Jaqen ha avuto qualche esitazione, temendo ciò che poi è effettivamente avvenuto. Tuttavia siamo entrambi utenti di lungo corso di Wikipedia, e sappiamo che, anche se non ci piacciono, i fatti sono fatti, e il lettore ha il diritto di conoscerli in modo oggettivo, neutrale. Anche grazie all’esperienza coltivata su Wikipedia, le esitazioni sono velocemente sparite e abbiamo ritenuto di pubblicare tutto il dossier non appena fosse pronto e sostenuto da fonti adeguate.
 
Vi aspettavate una risonanza simile della vostra scoperta?
Jaqen: L’ha avuta? :) Non è stata la nostra scoperta che ha avuto tanta risonanza quando il fatto che Luigi Zingales ha lasciato il partito denunciando la storia del master. Semmai quello che ha avuto risonanza è stato il fatto che il sospetto era presente sulla pagina di discussione della voce di Wikipedia dal 2011.
Tooby: Mi aspettavo una buona risonanza, ma non così tanta. Anche se non possiamo averne certezza, credo che il nostro articolo abbia contribuito a far precipitare gli eventi: sappiamo che c’era un altro giornalista che stava verificando l’esistenza del master di Giannino, e intorno al 14 febbraio sembra che Zingales ne fosse venuto a conoscenza. Tuttavia siamo riusciti ad anticipare tutti con la nostra ricostruzione: abbiamo pubblicato l’articolo nella mattinata del 18 febbraio, ed è stato condiviso molto bene anche prima dell’abbandono di Zingales, annunciato nel primo pomeriggio. In un certo senso, abbiamo fatto saltare il tappo.
 
Come pensate che Wikipedia sia uscita da questa storia? Ho sentito alcune persone che dicevano “sì, ma in fin dei conti la colpa è di Wikipedia, non di Giannino”
Jaqen: Sembra che in effetti ci sia stato qualcuno che abbia provato a dare la colpa a Wikipedia, ma è stato presto chiaro a tutti che non era vero. Wikipedia aveva solo riportato quello he dicevano le fonti.
Tooby: Io credo che Wikipedia ne esca molto rafforzata. Molti osservatori (come Sofri, Mantellini) hanno riconosciuto il lavoro dei wikipediani nella ricerca dei fatti: sono stati caparbi nel voler vedere oltre le biografie “pseudo-ufficiali”, come quella dell’Istituto Bruno Leoni. Certo, non mi sento di dire che tutti i partecipanti a quella discussione fossero appassionati alla ricerca dei fatti quanto guidati da livore e rabbia nei confronti di Giannino, ma l’importante è il risultato: il punto di vista neutrale è necessariamente un lavoro collettivo, dove le proprie opinioni personali vengono filtrate da quelle di altri utenti, lasciando passare solo ciò che è verificabile e attendibile.

 

Maurizio Codogno
Wikimedia Italia

2 Responses to “When fact-checking means a lot”

  1. Hang Li Po says:

    I salute you Maurizio because not everyone has the effort like you. Keep up the good work!!

  2. Oop says:

    I’m wondering, what should one actually do if some important facts are mentioned in a provate letter. After all, letters are not public sources, hence they’re not suitable by Wikipedia policies. Forward it to a newspaper and wait until it get published? But if it’s not sensational, e.g. just a correction of someone’s birthday?